top of page

La Serie A2 fa sua Gara 2 ad Ancona


 

A2 Femminile - PlayOut, Tabellone 1, Gara 2 - General Contractors Basket Girls Ancona 49 - Basket Roma 55


Parziali: 11-11, 5-16, 17-17, 16-11


Basket Girls Ancona: Pierdicca 5, Rizzo, Francia, Pelizzari 10, Carloni, Manizza, Barbakadze 2, Yusuf 10, Dinga-Mbomi 14, Malintoppi 8. All. Piccionne, ass. Montanari, Recanatini, massagg. Paoltroni, dir. Fabrizzi, Crucitti, Marincioni


Basket Roma: Leghissa 6, Perone 3, Lucantoni 19, Cedolini, Fantini 4, Belluzzo, Benini, Preziosi 6, Aghilarre 9, Cenci, Manocchio 8. All. Bongiorno, ass. Canini, Curiale, prep. fisica Tonni, dir. Curiale


Arbitri: Cosimo Schena, Igor Giustarini


Con una grande prova di squadra il Basket Roma sbanca il Palascherma e si conquista il diritto a giocarsi in casa la gara decisiva delle serie di playout contro Ancona, grazie al consistente vantaggio costruito nei primi tre quarti che stavolta le ragazze di coach Bongiorno sono riuscite a difendere dalla rimonta delle padrone di casa. Aghilarre da tre apre le ostilità al primo possesso della gara, ma Ancona risponde subito con quattro canestri consecutivi di Yusuf, che le valgono il +3. Gli attacchi delle due squadre non sono fluidi, in attacco Roma paga le troppe palle perse (9 nel solo primo quarto) ma riesce comunque a trovare la quadra nella metà campo difensiva, e con un parziale di 6-0 firmato da Lucantoni, Aghilarre e Fantini rimette la testa avanti, prima che la tripla di Dinga-Mbomi sigilli la parità alla fine di un primo quarto molto contratto. Roma però sembra avere l’inerzia della gara in mano, grazie anche alle prime rotazioni dalla panchina, in particolare Perone che dopo aver catturato un rimbalzo d’attacco mette a referto un gioco da tre punti di pura energia che porta Roma a +5. Ancona risponde subito, ritrovando la parità con i liberi di Dinga-Mbomi e la tripla di Pelizzari, ma sono i suoi ultimi punti del quarto: le ragazze di coach Piccionne non riescono più a districarsi in una difesa molto aggressiva sulle portatrici di palla e che anticipa sistematicamente i rifornimenti alle lunghe, mentre in attacco Roma riesce a limitare le palle perse, con Manocchio e Preziosi che tengono alto il ritmo e colpiscono dall’arco e dalla linea dei liberi. La tripla di Lucantoni e il libero di Leghissa allungano a undici la striscia di punti consecutivi di Roma all’intervallo, che diventano 14 con la seconda tripla di Lucantoni dopo un minuto del terzo quarto. Ancona finalmente si scuote con la solita Dinga-Mbomi, ma Roma è in grande fiducia e aggiorna a 17 il massimo punteggio con altre due triple di una infallibile Lucantoni (3/3 dall’arco nel quarto, 4/7 a fine gara). La partita si apre offensivamente negli ultimi quattro minuti della frazione: Malintoppi, Pelizzari e Barbakadze trovano punti importanti per rimanere a contatto, ma Leghissa da sotto e Preziosi dalla lunetta rispondono colpo su colpo. Lo spettacolare scambio di triple tra Leghissa e Pelizzari porta le squadre all’ultimo riposo con il punteggio invariato: +11 per Roma, lo stesso vantaggio che le ragazze di coach Bongiorno avevano dilapidato nello sciagurato ultimo quarto di tre giorni prima, e così la tripla di Pierdicca in apertura di ultimo quarto riporta entusiasmo tra le padrone di casa. Roma però non ha cedimenti mentali: riavvita i bulloni difensivi, e ricostruisce il vantaggio con il gioco da tre punti di Aghilarre e i liberi di Preziosi, per lei sei su sei dalla lunetta prima dell’uscita forzata per una distorsione alla caviglia. Gi ultimi quattro minuti iniziano con Roma ancora avanti di dieci dopo il canestro di Lucantoni, ma la fortunosa tabellata dall’arco di Malintoppi e i liberi di Pelizzari riportano Ancona a -5 a due minuti e mezzo dalla sirena. Roma ha il fiatone, perde per falli Fantini e Leghissa, ma riesce comunque a far scorrere il cronometro anche a costo di perdere palla per infrazione di 24 secondi, arrivando così a quaranta secondi dalla fine con due possessi pieni di margine. Le emozioni però non sono finite: timeout di Ancona e rimessa in attacco, e a trenta secondi dalla fine Dinga-Mbomi esce da un paio di blocchi sotto il canestro e trova una tripla che riporta Ancona a -3 con trenta secondi ancora da giocare. Ancora timeout, e Roma riparte dalla propria metà campo, fa andare il cronometro, quindi consegna la palla nelle mani di Aghilarre che prova l’incursione, ma viene raddoppiata e cerca quindi di servire una compagna sotto il canestro; sembra palla persa, ma Perone riesce a ripulirla e serve Manocchio, che sola dall’arco mette i tre punti della vittoria. Appuntamento al PalaRinaldi domenica pomeriggio per il terzo atto di questa avvincente sfida.




260 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


  SPONSOR  

Logo Athletes Amaranto.png
fordstar png.png
MANFORTE.png
Loft.png
309073879_577894347460120_936421952051316783_n.jpg
bottom of page